CENTENARIO DEL FUTURISMO – 1909 / 2009

..

Son riprese le polemiche fessacchiotte sul Futurismo e sulla “opportunità”  di celebrare un movimento che si “compromise” col fascismo. Ancora? Nel XXI secolo? 

Più s’avvicina l’anno centenario della fondazione del Futurismo, più il grembo sempre fecondo della madre dei fessi sforna improvvisati interventori che s’impalcano ad intenditori di lettere ed arti ed a pensosi conoscitori delle Avanguardie. Segnaliamo il direttore d’un museo di provincia salentino, che ha sentenziato apodittico che una mostra sul Futurismo si può anche fare, ma solo perché Marinetti, secondo il burocrate, anche alquanto disinformato, “non era fascista”. Per contro, un deputato dell’Udc, Luca Volontè, ha esortato a bandire le celebrazioni del Futurismo, per il suo carattere guerrafondaio e bellicista. L’ignoranza e l’idiozia, vorremmo rimarcarlo ancora una volta, sono assolutamente bipartisan…

Giuseppe Mazzarino

 

CENTENARIO DEL FUTURISMO – 1909 / 2009ultima modifica: 2008-09-18T02:08:05+00:00da juels.richelieu
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “CENTENARIO DEL FUTURISMO – 1909 / 2009

  1. DOBBIAMO UCCIDERE IL FUTURISMO! MANIFESTO NETFUTURISTA.

    In occasione del Centenario della pubblicazione del primo manifesto futurista, NetFuturismo ha steso e pubblicato sul sito http://www.netfuturismo.it il manifesto DOBBIAMO UCCIDERE IL FUTURISMO!, l’unica risposta credibile per rilanciare lo spirito futurista nel XXI secolo. Contro il recupero passatista del Futurismo del secolo scorso, contro il vuoto presentista delle attuali proposte avanguardistiche, NetFuturismo propone di aggiornare il Futurismo alla luce della rivoluzione neotecnologica in atto. Per questo motivo è necessario in primo luogo scrollarsi di dosso il ricordo nostalgico delle sperimentazioni futuriste, sperimentazioni adatte al mondo di 100 anni fa, non certo al nostro. Chiunque abbia compreso davvero la portata del messaggio del Futurismo, chiunque ami il Futurismo, oggi deve ucciderlo.
    http://www.netfuturismo.it

Lascia un commento